o f f i c i a l w e b s i t e

Almamegretta

Votta a Passa'

E-mail Stampa PDF

Come mi piace ‘e sentì la musica con le mie amiche, cosi pe’ ce fa ddoje resate.

‘O ‘nnammurato mio me ha scritto ‘na bella lettera, vulite sentì?

Alle volte il fatto che non lo posso vedere mi fa uscire pazza.

Tengo diciotto anne, aggia ferni’ l’istituto per segretaria di azienda. Già mi vedo ind’’all’ufficio, con gli occhiali e il tailleur nero stretto stretto.

Nel rione non ci voglio tornare più, voglio ste ‘e casa ind’a nu posto ordinato, in mezzo a gente che dice sempre buongiorno e buonasera e nun allucca maje.

Nel posto dove voglio andare ci sono i giardini e i bambini vanno all’asilo e le maestre sono tranquille e brave e si imparano tante cose.

A mia figlia gli devo far fare lezione di piano, tene ‘e mmane longhe longhe...po’ a pigliato ‘e me, p’’a musica va pazza.

Tu lascia che il collocamento mi trova il lavoro e poi gliele faccio incominciare.

Lascia che passano questi altri tre anni, che sconto questa condanna.

Lascia che esco a ccà dinto, a Puzzule nun ce torno cchiù manco pe’ gghì a mare.

Votta a passà stu tiempo

Votta a passà.

 

Online

 85 visitatori online

Login Form

Sanacore Records